Dirottamenti dell’attenzione

Tristan Harris, fondatore del Center for Humane Technology, ha messo in moto il movimento Time Well Spent; un risveglio culturale alla subdola manipolazione della nostra consapevolezza collettiva attraverso le piattaforme di social media e la tecnologia interattiva. Sta guidando il dibattito in merito all’etica nel design della tecnologia, in particolare della tecnologia che pervade ogni nostro momento di consapevolezza. Avendo precedentemente lavorato dietro le quinte di questa industria che massimizza l’attenzione del consumatore, Tristan mette in luce i meccanismi interni inappropriati dell’economia dell’attenzione e mostra al pubblico come le nostre menti sono state dirottate per ottenere un guadagno finanziario, senza responsabilità verso il benessere effettivo degli utenti.

Il cervello umano non può competere con le applicazioni lampeggianti, accattivanti e seducenti che lottano tra loro per la nostra attenzione e divorano una percentuale incredibile dell’energia consapevole del mondo. Il suo lavoro è unico e controverso, in quanto sfida l’etica di molte delle più potenti entità del mondo. È tempo di prendere coscienza dell’uso dell’intelligenza artificiale e dei molti intelligenti trucchi psicologici che queste piattaforme usano per agganciare le nostre menti allo schermo e placare i nostri impulsi per tenerci lì. Tristan sta aiutando così tante persone in tutto il mondo a risvegliare la nostra vulnerabilità a queste forze digitali e alla minaccia che ciò rappresenta per il nostro processo decisionale e di creazione di senso”. (fonte con altre risorse in inglese)

“A decade after he stayed up all night coding a prototype of what was then called an “awesome” button, Rosenstein belongs to a small but growing band of Silicon Valley heretics who complain about the rise of the so-called “attention economy”: an internet shaped around the demands of an advertising economy. […] There is growing concern that as well as addicting users, technology is contributing toward so-called “continuous partial attention”, severely limiting people’s ability to focus, and possibly lowering IQ. […] Drawing a straight line between addiction to social media and political earthquakes like Brexit and the rise of Donald Trump, they contend that digital forces have completely upended the political system and, left unchecked, could even render democracy as we know it obsolete. […] It is revealing that many of these younger technologists are weaning themselves off their own products, sending their children to elite Silicon Valley schools where iPhones, iPads and even laptops are banned. […] Attendees of the 2017 Habit Summit might have been surprised when Eyal walked on stage to announce that this year’s keynote speech was about “something a little different”. He wanted to address the growing concern that technological manipulation was somehow harmful or immoral. He told his audience that they should be careful not to abuse persuasive design, and wary of crossing a line into coercion. […] Harris, who has been branded “the closest thing Silicon Valley has to a conscience”, insists that billions of people have little choice over whether they use these now ubiquitous technologies, and are largely unaware of the invisible ways in which a small number of people in Silicon Valley are shaping their lives”. “The dynamics of the attention economy are structurally set up to undermine the human will,” he says. “If politics is an expression of our human will, on individual and collective levels, then the attention economy is directly undermining the assumptions that democracy rests on.” (The Guardian).

Parole chiavi: addictive technologies, attention economy, [transhuman], ethics of persuasive design

Posted in Uncategorized | Commenti disabilitati su Dirottamenti dell’attenzione

Canonizzazione Beato Nunzio Sulprizio

Il 14 ottobre 2018 durante lo svolgimento del Sinodo dei Vescovi dedicato ai giovani (3-28 ottobre), papa Francesco canonizzerà (= dichiarerà santo) il Beato Nunzio Sulprizio, che ha vissuto come operaio da suo zio fabbro a Pescocostanzo, vicino a Torre de’ Passeri ed è morto nel 1836 a soli 19 anni. Continue reading

Posted in Uncategorized | Commenti disabilitati su Canonizzazione Beato Nunzio Sulprizio

Intelligenza Artificiale

Qualche mese fa il presidente francese Macron ha parlato dell’importanza dell’IA per la Francia e per l’Europa, chiedendo interventi politici per stimolarla anche in questi paesi: AI for Humanity. Vedi anche il Villani Report (francese). Continue reading

Posted in Uncategorized | Commenti disabilitati su Intelligenza Artificiale

Papa Francesco: 5 anni

Il 13 marzo 2013 il cardinale Jorge Bergoglio viene eletto papa e prende il nome di Francesco. Continue reading

Posted in Papa | Tagged | Commenti disabilitati su Papa Francesco: 5 anni

Comunicazione e informazione nel post-moderno

Conferenza al Museo Michetti di Francavilla per l’Oratorio San Franco 4 marzo 2018.

Internet Festival 2018.

Posted in Comunicazione | Commenti disabilitati su Comunicazione e informazione nel post-moderno

Benedetto XVI, lettera al Corriere

In una lettera indirizzata ai lettori del Corriere della Sera, il papa emerito Benedetto XVI esprime alcuni suoi pensieri su questa ultima fase della sua vita.
“Caro Dott. Franco,
mi ha commosso che tanti lettori del Suo giornale desiderino sapere come trascorro quest’ultimo periodo della mia vita. Posso solo dire a riguardo che, nel lento scemare delle forze fisiche, interiormente sono in pellegrinaggio verso Casa. E’ una grande grazie per me essere circondato, in quest’ultimo pezzo di strada a volte un po’ faticoso, da un amore e una bontà tali che non avrei potuto immaginare. In questo senso, considero anche la domanda dei Suoi lettori come accompagnamento per un tratto. Per questo non posso far altro che ringraziare, nell’assicurare da parte mia a voi tutti la mia preghiera.” (cf. anche Avvenire)


Posted in Uncategorized | Commenti disabilitati su Benedetto XVI, lettera al Corriere

Pescatori di uomini senza frontiere

Di Erri De Luca da www.zeroviolenza.it.

[…] Sulle rive del lago Kinneret, chiamato Tiberiade dai conquistatori venuti da Roma, il giovane fondatore del cristianesimo cercò i primi compagni. Erano di mestiere pescatori. Al giovane piacevano le metafore.

Secondo Matteo (4,19) disse : “Venite con me, vi farò pescatori di uomini”. Eccomi in un tempo e su una nave che applica alla lettera l’impulsiva metafora. Sto con persone che si sono messe a pescare uomini, donne, bambini. Il Mediterraneo è un lago Kinneret salato e più grande.

[…] Il mattino dopo si è di nuovo in mare dopo un rifornimento accelerato. Si va a velocità sostenuta, c’è urgenza in zona. Sono partiti molti gommoni e sul posto la nave Phoenix del Moas è già carica, con intorno nove gommoni, cioè mille persone senza acqua nè giubbotti salvataggio. Sono tenuti insieme con qualche corda. Abbiamo davanti almeno trenta ore di navigazione e mare grosso che ci rallenta. Non potremo arrivare in tempo.

Uno dei gommoni cede e nessuno può farci niente. Questo può spiegare che i trafficanti lanciano gommoni al largo senza nessun calcolo circa la presenza di soccorsi. La loro unica condizione è che il mare sia calmo, non per motivi umanitari, ma perché centocinquanta persone spinte da un motore di 40 cavalli non riescono a prendere il largo se il mare appena increspa. A bordo della Prudence queste partenze vengono chiamate lanci, perché scagliati da un lanciatore che rimane a riva.

L’intensità dei lanci di aprile è dovuta alla nostra fornitura di motovedette nuove alla Guardia Costiera libica, che entreranno in servizio a maggio. I trafficanti nell’incertezza affrettano tutti i lanci consentiti dalle condizioni meteo. Il capitano Pietro Catania e il suo equipaggio sono coinvolti anima e corpo in queste operazioni, perché sono gente di mare. Non badano a turni né a orari, fanno tutt’uno con la gioventù di Msf. In rotta da Reggio Calabria la nave incontra maltempo.

Veniamo a sapere che è rimasto un gommone, in attesa fuori delle 12 miglia. Siamo i meno lontani ma comunque arriveremo troppo tardi. Allora da Lampedusa, che sta parecchio più a sud di noi, la Guardia Costiera manda due motovedette veloci, che arrivano molto prima e salvano centoquarantatre persone caricandole a bordo. Ci corrono incontro e le trasferiscono da noi. I due equipaggi sono partiti così in fretta da Lampedusa, da non avere caricato neanche il cibo per loro. Sono digiuni, i marinai della Prudence li riforniscono per il loro viaggio di ritorno […]. Continua a leggere

Posted in Migrazione, Società | Tagged , , | Commenti disabilitati su Pescatori di uomini senza frontiere

Il dialogo interreligioso

La “ricetta” o le “raccomandazioni” di papa Francesco per un autentico dialogo, non solo interreligioso:

Proprio nel campo del dialogo, specialmente interreligioso, siamo sempre chiamati a camminare insieme, nella convinzione che l’avvenire di tutti dipende anche dall’incontro tra le religioni e le culture. In questo senso il lavoro del Comitato misto per il Dialogo tra il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso e il Comitato di Al-Azhar per il Dialogo ci offre un esempio concreto e incoraggiante. Tre orientamenti fondamentali, se ben coniugati, possono aiutare il dialogo: il dovere dell’identità, il coraggio dell’alterità e la sincerità delle intenzioni. Il dovere dell’identità, perché non si può imbastire un dialogo vero sull’ambiguità o sul sacrificare il bene per compiacere l’altro; il coraggio dell’alterità, perché chi è differente da me, culturalmente o religiosamente, non va visto e trattato come un nemico, ma accolto come un compagno di strada, nella genuina convinzione che il bene di ciascuno risiede nel bene di tutti; la sincerità delle intenzioni, perché il dialogo, in quanto espressione autentica dell’umano, non è una strategia per realizzare secondi fini, ma una via di verità, che merita di essere pazientemente intrapresa per trasformare la competizione in collaborazione.

Dal Discorso del Santo Padre ai partecipanti alla Conferenza Internazionale per la Pace, Al-Azhar Conference Centre, Il Cairo, Venerdì, 28 aprile 2017.

Posted in Dialogo interreligioso, Papa | Tagged , | Commenti disabilitati su Il dialogo interreligioso

Principio della sagazza

Tutto è effimero, niente rimane in eterno

1,1 Parole di Qoèlet, figlio di Davide, re di Gerusalemme.
2 Vanità delle vanità, dice Qoèlet,
vanità delle vanità, tutto è vanità.
3 Quale utilità ricava l’uomo da tutto l’affanno
per cui fatica sotto il sole?
4 Una generazione va, una generazione viene
ma la terra resta sempre la stessa.
5 Il sole sorge e il sole tramonta,
si affretta verso il luogo da dove risorgerà.
6 Il vento soffia a mezzogiorno, poi gira a tramontana;
gira e rigira
e sopra i suoi giri il vento ritorna.
7 Tutti i fiumi vanno al mare,
eppure il mare non è mai pieno:
raggiunta la loro mèta,
i fiumi riprendono la loro marcia.
8 Tutte le cose sono in travaglio
e nessuno potrebbe spiegarne il motivo.
Non si sazia l’occhio di guardare
né mai l’orecchio è sazio di udire.
9 Ciò che è stato sarà
e ciò che si è fatto si rifarà;
non c’è niente di nuovo sotto il sole.
10 C’è forse qualcosa di cui si possa dire:
«Guarda, questa è una novità»?
Proprio questa è già stata nei secoli
che ci hanno preceduto.
11 Non resta più ricordo degli antichi,
ma neppure di coloro che saranno
si conserverà memoria
presso coloro che verranno in seguito.

Posted in Bibbia | Tagged | Commenti disabilitati su Principio della sagazza

Sito di Bruno Marien

Questo spazio ospita il sito di Bruno Marien, Insegnante di Religione Cattolica al Liceo Scientifico “G. Galilei” di Pescara e docente all’Istituto Superiore di Scienze Religiose “G. Toniolo” di Pescara (CV).

Posted in   | Commenti disabilitati su Sito di Bruno Marien