Arrivato in Ruanda

Oggi pomeriggio sono arrivato in orario come previsto a Kigali. Il viaggio con Qatar Airlines è andato bene anche se era un po’ lungo. Il servizio a bordo impeccabile. L’aeroporto di Doha è immenso, in mezzo al deserto. Faceva molto caldo e umido e gli operai sul tarmac erano tutti completamente coperti in testa. Sul tratto Roma Doha c’erano soprattutto passeggeri asiatici in aereo, dopo Ugandesi (per lo scalo di Entebbe) e Ruandesi, pochi non africani, ma l’aereo era comunque pieno. Nessun problema per il visto rilasciato all’istante per 27 euro. Anche i bagagli sono passati senza problema.

L’accoglienza a Kigali è stata molto caldorosa. Ad aspettarmi c’erano Valentin, Chiara, un fratello e un cugino di Valentin. Abbiamo passato il pomeriggio insieme con papà Prince e ancuni amici presso un ristorante all’aria aperta perché oggi era la festa dell’indipendenza, quindi non si lavorava.

Lunga la strada tantissimi negozietti e molte persone in cammino, molti taxi moto e gente che porta merce in bicicletta o sulla testa .

Il buio cala già alle 18.00, ma si continuano a vedere persone che camminano lungo la strada, anche fuori della città.

Da lontano abbiamo visto le grandi opere per l’aeroporto internazionali che dovrebbe aprire l’anno prossimo e per l’allargamento delle strade dall’aeroporto alla capitale .

This entry was posted in Ruanda. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*