Un interrogativo teologico

Un interrogativo teologico vecchio come il mondo, preso a prestito da Geremia:

“Tu sei troppo giusto, Signore,
perché io possa discutere con te;
ma vorrei solo rivolgerti una parola sulla giustizia.
Perché le cose degli empi prosperano?
Perché tutti i traditori sono tranquilli?
2 Tu li hai piantati ed essi hanno messo radici,
crescono e producono frutto;
tu sei vicino alla loro bocca,
ma lontano dai loro cuori.
3 Ma tu, Signore, mi conosci, mi vedi,
tu provi che il mio cuore è con te.
Strappali via come pecore per il macello,
riservali per il giorno dell’uccisione.
4 Fino a quando sarà in lutto la terra
e seccherà tutta l’erba dei campi?
Per la malvagità dei suoi abitanti
le fiere e gli uccelli periscono,
poiché essi dicono: «Dio non vede i nostri passi»”. (Ger 11, 1-4)

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.